sabato 8 aprile 2017

FUOCO CONSUMANTE - Jim Cymbala

Gesù non ha mai battezzato nessuno con acqua. Perché? Perché il battesimo che Lui avrebbe ministrato sarebbe stato il battesimo dello Spirito Santo e col fuoco (leggere Luca 3:16). Non confondete queste parole come a voler indicare due battesimi, uno con lo Spirito e uno col fuoco.  Al contrario, Luca stava usando l'immagine del fuoco come simbolo che rappresenta lo Spirito, per descrivere un unico battesimo. Gesù battezza con il fuoco consumante dello Spirito Santo.
Se accendi un fiammifero e dai fuoco ad un pezzo di legno, il fuoco penetrerà dentro il legno. Questo è ciò che lo Spirito Santo fa nelle nostre vite. Egli va al di là delle apparenze superficiali per penetrare fin dentro alle radici del nostro essere. Lo Spirito non mette dei semplici cerotti, ma va al nucleo dei nostri problemi per donarci il Suo aiuto. Proprio come la predicazione, che quando è unta dallo Spirito Santo diventa una predicazione ardente. Questo non vuol dire che le persone verranno scoraggiate o condannate; piuttosto, vuol dire che quel messaggio penetrerà nei cuori, rivelerà il peccato e metterà allo scoperto il chiaro bisogno che c'è di Gesù Cristo. Senza il fuoco dello Spirito Santo, la predicazione può diventare mero intrattenimento o mera ostentazione oratoria.
Quando Pietro predicò il primo sermone dell'era cristiana, quelle eloquenti ma soprattutto ardenti parole produssero una profonda convinzione ed anche la seguente risposta: “Fratelli, che dobbiamo fare?” (Atti 2:37). Gli insegnamenti volti ad aiutare i predicatori alla comunicazione sono utili, ma senza il fuoco dello Spirito Santo, i cuori non si umilieranno o romperanno mai davanti alla presenza del Signore.
In Geremia, Dio chiese: “La mia parola non è forse come un fuoco?” (Geremia 23:29, enfasi aggiunta). La Parola predicata con il fuoco dello Spirito penetra in mezzo alla confusione e riesce a gestire la situazione travagliata dei nostri cuori. Molte persone probabilmente hanno davvero poco interesse a sperimentare le parole ardenti di Dio; preferiscono servizi di intrattenimento e sermoni che non creino situazioni di conflitto. Ma il fuoco dello Spirito taglia sempre corto per affrontare gli ostacoli che impediscono la benedizione di Dio.
Jim Cymbala fondò la Brooklyn Tabernacle con meno di venti membri in un piccolo e fatiscente edificio in una parte difficile della città. Nativo di Brooklyn, è amico di vecchia data sia di David che di Gary Wilkerson.