martedì 11 aprile 2017

COMPLETAMENTE CONVINTI DELL'AMORE DI DIO

“Perché so in chi ho creduto, e sono convinto che egli ha il potere di custodire il mio deposito fino a quel giorno” (2 Timoteo 1:12, corsivo mio). Queste sono parole di un uomo in punto di morte. L'apostolo Paolo si stava rivolgendo al suo allievo, il giovane ministro che stava ammaestrando, Timoteo. Più tardi nella stessa lettera, Paolo confida a Timoteo queste parole difficili: “Quanto a me, io sto per essere offerto in libazione, e il tempo della mia partenza è giunto. Ho combattuto il buon combattimento, ho finito la corsa, ho conservato la fede” (4:6-7).
Sebbene queste parole fossero dirette a Timoteo, il suo messaggio parla oggi ad ogni servo di Cristo che sta affrontando una grande afflizione. Considera il contesto: al culmine delle sue strazianti prove, quasi in punto di morte, Paolo era completamente persuaso dell'amore di Dio per lui. Inoltre, era convinto che il Signore avesse l'abilità di “mantenere quanto avesse promesso” nonostante tutto provasse il contrario.
Amato, il consiglio che Paolo ci dà qui è per tutti coloro che sono attaccati quotidianamente dalle forze sataniche, che sono impegnati in una cruenta guerra spirituale e sopportando grandi difficoltà da veri soldati quali sono. Com'era possibile che Paolo fosse in grado di parlare così fiduciosamente della fedeltà di Dio durante ad ogni sua prova? Da cosa era stato persuaso esattamente in merito al Signore per far nascere in lui una tale fede?
Paolo non parlò mai delle cose che aveva “messo davanti a Dio fino a quel giorno”. Possiamo solo immaginare cosa potessero essere. Ma, come Paolo, anche noi dobbiamo essere completamente convinti della fedeltà di Dio e che Lui sia in grado di realizzare quanto abbiamo chiesto a Lui. Inoltre, per affrontare le nostre prove in questi giorni difficili, dobbiamo essere pienamente convinti che Gesù sia il nostro Signore ed il nostro Salvatore.