martedì 15 novembre 2016

DOVRESTE ESSERE MAESTRI

Lo scrittore agli Ebrei dice ai suoi lettori: “dopo tanto tempo dovreste già essere maestri” (Ebrei 5:12). Queste sono parole forti, schiette. A chi si sta rivolgendo esattamente qui lo scrittore? Il libro degli Ebrei ci mostra che lui sta parlando a credenti che sono stati ben istruiti alla verità biblica. In altre parole, coloro che stavano leggendo questa lettera erano stati presenti durante potenti predicazioni e diversi ministeri ripieni di unzione.
Infatti, al capitolo 5, lo scrittore dice ai suoi lettori:
“Su questo argomento avremmo molte cose da dire, ma è difficile spiegarle a voi perché siete diventati lenti a comprendere. Infatti, dopo tanto tempo dovreste già essere maestri; invece avete di nuovo bisogno che vi siano insegnati i primi elementi degli oracoli di Dio; siete giunti al punto che avete bisogno di latte e non di cibo solido” (leggere 5:11–12).
Riflettiamo su ciò che lo scrittore sta dicendo. In breve sta dicendo ai suoi lettori: “Da questo momento dovreste essere un esempio fermo per i vostri bambini. La vostra fede dovrebbe essere incrollabile. Non dovreste più mormorare e lamentarvi delle vostre afflizioni, al contrario, dovreste essere compartecipi delle sofferenze di Cristo. Non dovreste essere caldi per un momento e subito dopo freddi quando il nemico viene come una fiumana”.
SOLO ASSAGGIATORI DI SERMONI
Pensi che questa parola si possa applicare alla tua vita? Quanti sermoni abbiamo ascoltato che ci sfidavano a fidarci del Signore in ogni cosa? Quante volte abbiamo udito predicare sulle incredibili promesse di Dio per noi? Quanti sermoni volti a scuotere la nostra fede abbiamo davvero interiorizzato? Quante volte siamo stati benedetti dal messaggio sulla fedeltà di Dio? Ed ancora, quante volte ci siamo fatti abbattere velocemente dalla prova nel momento in cui si presenta?
Molti nella chiesa oggi ricevono dei buoni insegnamenti, sanno molto sulla verità biblica, sono esperti assaggiatori di sermoni. Invece, noi siamo coloro ai quali lo scrittore agli Ebrei indirizza questa lettera, e ci sta dicendo: “ dopo tanto tempo dovreste già essere maestri per il vostro esempio. Ma purtroppo, la vostra fede continua a vacillare in tempo di battaglia”.