giovedì 13 ottobre 2016

COMBATTI!

Ogni credente è sfidato a restare saldo nelle Scritture finché lo Spirito Santo fa sembrare come se le promesse di Dio saltino fuori dalle pagine per lui o lei personalmente. Quando ciò accade riusciamo capirlo perché udremo la dolce e sommessa voce dello Spirito che sussurra: “questa promessa è tua. È la Parola di Dio per te, per farti uscire fuori dai tempi difficili”. Sono convinto che tu non puoi combattere la battaglia della fede senza udire personalmente la voce rassicurante del Signore.
LA SUA PAROLA PERSONALE
Quando Davide venne abbattuto dalla sconfitta, egli incoraggiò sé stesso, tornò a combattere, e agì per fede. Quando il suo spirito battagliero riprese forza, si fece portare una cosa conosciuta come efod. Questo era una sorta di indumento che aveva due pietre incastonate nella corazza del sacerdote. In quella occasione Dio parlò attraverso l'efod, e Davide fu determinato ad ottenere una parola dal Signore e la Sua direttiva.
“Davide disse al sacerdote Abiatar... Ti prego, portami qua l’efod. Abiatar portò l’efod a Davide. E Davide consultò il Signore, dicendo: Devo inseguire questa banda di predoni? La raggiungerò?” (1 Samuele 30:7–8, corsivo mio).
RICEVERE LA DIRETTIVA DI DIO
Considera ciò che qui fece Davide. Dopo aver pianto e dopo aver riacquistato forza per combattere, quest'uomo cadde direttamente sulle sue ginocchia. Il Signore diede lui la parola di direzione di cui aveva bisogno:
“Il Signore rispose: Inseguila, poiché certamente la raggiungerai e potrai ricuperare ogni cosa” (30:8, corsivo mio).
La direttiva di Dio per Davide fu: “Vai avanti. Ne uscirai vittorioso”. In altre parole: “Combatti!”