venerdì 23 settembre 2016

PERMETTERE ALLA MISERICORDIA DI FLUIRE

A Pentecoste lo Spirito Santo scese su un popolo preparato “con una sola mente” (Atti 2:1). Dunque, cosa significa che il popolo avesse una sola mente? In parole semplici, la misericordia fluiva attraverso di loro. Lasciami spiegare.
Considera coloro che si trovavano sulla scena della Pentecoste, persone che oggi riveriamo come padri della chiesa. Alcuni di questi uomini avevano peccato gravemente contro il Signore e contro i loro fratelli. Tutti loro dovevano essere perdonati e i loro peccati coperti, altrimenti la chiesa non sarebbe mai andata avanti nell’opera che lo Spirito stava per compiere.
PECCATI GRAVI
Considera Pietro. Egli aveva bestemmiato in maniera orrenda, ferendo Gesù, come pure gli altri discepoli. Quel corpo ecclesiale perdonò Pietro e lo coprirono cosicché il suo passato non fosse mai considerato contro di lui. Pensa anche a Giacomo e Giovanni, i “Figli del Tuono”. Anche loro avevano peccato gravemente, offendendo i loro compagni discepoli professando di essere maggiori degli altri. Anche loro furono perdonati e coperti.
In verità, qualunque persona presente quel giorno avrebbe potuto dire, “Aspetta, Pietro. Chi ti ha fatto capo qui? Hai rinnegato Cristo”. Nessuno lo fece, perché i loro cuori erano stati preparati mediante la misericordia. Ed erano pronti a ricevere lo Spirito quando Egli venne nella grande effusione della Pentecoste.
QUESTIONI DI CUORE
Amato, è per questo che nelle epistole di Pietro il nocciolo sono lequestioni di cuore. Egli sapeva in prima persona che tutte queste cose dovevano essere rimosse e perdonate, se non si voleva ostacolare l’opera dello Spirito con qualsiasi carnalità. Lo stesso vale per la chiesa di Cristo oggi, noi che dobbiamo ricevere la Sua potente pioggia per il raccolto.
Ostacoleremo quell’opera dello Spirito non perdonando? Oppure saremo preparati, permettendo alla misericordia di fluire attraversi di noi, verso gli altri?