martedì 14 gennaio 2014

A PROVA DEL FATTO

“E questo vangelo del regno sarà predicato in tutto il mondo, affinché ne sia resa testimonianza a tutte le genti; allora verrà la fine” (Matteo 24:14).

Oggi molti credenti tentano di determinare la vicinanza del ritorno di Cristo interpretando i segni dei tempi. Vediamo tali segni in eventi specifici: per esempio, il ritorno dei Giudei in Israele. Tuttavia una delle più chiare dichiarazioni che Gesù fa in merito al Suo ritorno è contenuto nel verso che leggiamo qui sopra. La fine verrà solo dopo che il vangelo sia stato predicato a tutte le nazioni, come testimonianza.

La parola “testimonianza” che Gesù utilizza in questo verso ha il medesimo significato del termine greco presente nel testo biblico. Letteralmente significa “a prova del fatto”. Cristo sta parlando qui non solo di predicare il Vangelo, ma presentarlo come fosse una testimonianza. In breve, Egli dice che il Vangelo che noi predichiamo è efficace solo se supportato da una vita che lo attesta nella realtà.

Penserai che in America, una nazione piena di migliaia di chiese evangeliche, ci sia una forte testimonianza evangelica. Ma molte chiese hanno compromesso il vero Vangelo di Cristo. Il fatto è che, nonostante tutte le prediche evangeliche, in molte di queste chiese c'è davvero una misera testimonianza che attesti che Cristo sia a capo delle vite dei credenti. Non sono dei veri testimoni per la città o per la nazione.

Certo, ci sono delle eccezioni. Mi viene da pensare ad un pastore Battista che ad un certo punto pianificò di costruire un enorme edificio. La sua congregazione stava crescendo rapidamente ed iniziò a studiare attentamente il movimento di crescita della chiesa. Ma subito dopo sua moglie fu mossa dal desiderio di pregare e cercare il Signore e presto il pastore si mise a fare la stessa cosa. Immediatamente rinunciò al sogno di far crescere di numero la sua chiesa ed iniziò ad accompagnare le sue prediche alla testimonianza.

In un recente sermone, il pastore pose un grande schermo di fronte la chiesa. Egli disse alla sua congregazione, “lo Spirito di Dio mi sta parlando riguardo i peccati di questa chiesa. E quest'oggi li vedremo tutti con i nostri occhi!”

Il pastore mostrò velocemente alla chiesa peccato dopo peccato, fornicazione, adulterio, alcolismo, abuso di droga, pornografia. Subito dopo cominciò il suo sermone: “stiamo per cominciare a costruire una grande chiesa proprio adesso. Ma dobbiamo raddrizzare il tabernacolo del Cristo vivente prima di fare qualsiasi altra cosa. Dobbiamo prima viverlo questo Vangelo!” Oggi lo Spirito di Dio si sta muovendo potentemente in quella chiesa. La gente si sta avvicinando al Signore, raddrizzando le proprie vite, perché stanno ascoltando un Vangelo supportato da una testimonianza!