lunedì 19 dicembre 2016

TOCCÒ L'ORLO DELLA SUA VESTE - Gary Wilkerson

Ci sono momenti nella vita durante i quali le cose sembrano così tetre, ma noi possiamo dire a Dio: “Ripongo tutta la mia fede in Te perché nonostante la mia situazione appaia senza speranza, con Te nulla è impossibile” (leggere Luca 18:27).
In Marco 5 leggiamo che Gesù si stava recando a casa di un uomo chiamato Iairo ed una grande folla Lo stava seguendo.
“Una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni, e che molto aveva sofferto da molti medici e aveva speso tutto ciò che possedeva senza nessun giovamento, anzi era piuttosto peggiorata, avendo udito parlare di Gesù, venne dietro tra la folla e gli toccò la veste” (Marco 5:25-27).
La versione della King James dice che lei tocco l'orlo della Sua veste. Ed anche se la sua condizione stava peggiorando, disse a sé stessa: “Se riesco a toccare almeno le sue vesti, sarò salva” (verse 28).
La sua fede stava dicendo: “posso fare questo” e dopo, “Gesù farà il resto”. Lei stava guardando all'impossibile e allo stesso tempo era certa che Gesù poteva farlo.
Amo questa donna di fede. Non aveva alcuna ragione per averne perché niente di tutto quello che aveva fatto aveva funzionato. Ma finalmente afferrò quest'unica ed ultima speranza, questo unico  ed ultimo desiderio. Disse a sé stessa: “toccherò solo l'orlo della Sua veste. Mi aggrapperò a Gesù!”
Si fece largo fra la folla e tocco l'orlo della Sua veste e “in quell'istante la sua emorragia ristagnò; ed ella sentì nel suo corpo di essere guarita da quella malattia” (Marco 5:29).