venerdì 9 dicembre 2016

DIO NON SI È DIMENTICATO DI TE

C'è tanta afflizione, tanta sofferenza, tanto dolore causato dalla malattia e dalla catastrofe generale. Ci sono tanti cristiani feriti, tante persone che stanno facendo fronte a crisi finanziarie.
La Bibbia ci dice: “Molte sono le afflizioni del giusto” (Salmo 34:19). Ma la seconda parte di questo verso ne cambia interamente il significato: “Ma il Signore lo libera da tutte”.
Davide gridò: “Ricordati, Signore, di Davide, di tutte le sue fatiche,” (Salmo 132:1). Questo uomo di Dio dovette affrontare molti problemi. La sua preghiera fu: “Signore, Tu hai liberato altri dalle loro afflizioni. Non dimenticarti di me! Aiutami, liberami”.
L'apostolo Paolo dovette sopportare molte afflizioni. Egli scrisse: “So soltanto che lo Spirito Santo in ogni città [mi attesta] che [mi attendono] catene e tribolazioni” (Atti 20:23). Paolo aggiunse: “affinché nessuno fosse scosso in mezzo a queste tribolazioni” (1 Tessalonicesi 3:3). Stava dicendo: “Cari santi, non chiedetevi il perché io stia affrontando così tante afflizioni. Perché io stesso non chiedo il perché a Dio di tutte queste cose”.
“Ma in ogni cosa raccomandiamo noi stessi come servitori di Dio, con grande costanza nelle afflizioni, nelle necessità, nelle angustie” (2 Corinzi 6:4). Notate l'enfasi che Paolo mette qui: “con grande costanza”. Hai perso la pazienza durante la tua afflizione? Ti sei scoraggiato così tanto da arrivare al punto di accantonare la tua fede?
Afferra le Scritture e lascia che la fede rinasca nel tuo cuore. Dio non si è dimenticato di Te!