giovedì 26 giugno 2014

CANTA, GRIDA E ADORA!

Satana sembra non sapere che più attacchi un servo ripieno di Spirito, più lode sorgerà da lui! Getta un santo di Dio in una crisi e questi canterà, griderà e adorerà Gesù! Se leghi con problemi e avversità un figlio di Dio ripieno di Spirito, questi canterà, griderà e adorerà ancora di più!

Subito dopo che Paolo ebbe sgridato dei demoni da una ragazza posseduta (Atti 16:16-18), Satana iniziò a smuovere le cose. Attizzò la folla contro Paolo e Sila – e improvvisamente si trovarono in una crisi terribile!

I magistrati della città li fecero frustare e gettare in prigione. E ad ogni colpo sulle loro schiene, posso sentire il diavolo dire, “Allora, pensate di aver ottenuto vittoria? Pensate di scacciare i miei demoni e prendere autorità su di me?”

Sembra che il diavolo non sapesse che più frusti un servo di Dio che cammina nello Spirito, più lode farai uscire da Lui! “Verso la mezzanotte Paolo e Sila pregavano e cantavano inni a Dio; e i prigionieri li udivano” (Atti 16:25).

Se dobbiamo camminare nello Spirito, allora dobbiamo credere che Dio possa compiere liberazioni soprannaturali da ogni legame di Satana, anche se per farlo dovesse creare un terremoto. Questo è esattamente quanto fece per Paolo: “Improvvisamente si fece un gran terremoto, tanto che le fondamenta della prigione furono scosse: e in quell'istante tutte le porte si aprirono e le catene di tutti si sciolsero” (Atti 16:26).

Satana cercherà di farti piombare addosso la tentazione o la prova più tremenda che tu abbia mai affrontato. Vuole che tu resti impantanato nella colpa, nella condanna e nell’autocommiserazione. Caro santo, devi elevarti nello Spirito e distogliere lo sguardo dalle circostanze e dai legami. Non cercare di capire tutto. Inizia a lodare, cantare e confidare in Dio – ed Egli si prenderà cura della tua liberazione.