mercoledì 28 gennaio 2015

RINVIGORITI DALLO SPIRITO

Gesù non è mai stato più disposto a mostrare la Sua potenza di quanto non lo sia proprio adesso, perché non è mai stato più potente di quanto non lo sia ora. La nostra fede deve andare oltre il punto della morte. Deve guardare in faccia qualsiasi cosa sia morta e proclamare, “Gesù non si arrende mai davanti alla morte!” Non dovremmo mai arrenderci davanti a niente e nessuno, non importa quanto la situazione sembri disperata.

Nota nella storia di Giairo e sua figlia (Marco 5:21-43) che il Signore non era interessato a mostrare la Sua potenza a chi non credeva. In realtà, in quella stanza dice loro, “Nessuno deve venire a saperlo” (5:43). In altre parole, “Non dite loro ciò che avete visto – il miracolo resta tra noi e coloro che si trovano in questa stanza”.

Coloro che resistono con fede incrollabile sono coloro che vedranno la gloriosa manifestazione della potenza della resurrezione di Cristo. Solo tu e il Signore conoscerete tutti gli intimi dettagli di quell’opera. Lui ti sorprenderà; ti emozionerà; ti mostrerà la Sua gloria!

La presente grandezza di Cristo si può riassumere in un verso potente: “In Lui era la vita” (Giovanni 1:4). Egli era – ed è ancora – vita che rinvigorisce. Egli possiede vita. Gesù veniva costantemente rinnovato nell’attingere a quella riserva segreta che non si prosciugava mai. Non si stancava mai delle folle che lo spingevano da ogni lato. Non era mai impaziente.

Quando chiamava i Suoi discepoli ad appartarsi per riposare un po’, essi si allontanarono verso un luogo quieto, all’altra sponda del lago. Ma le folle lo attendevano anche lì. Neanche una volta disse, “Oh no! Un’altra volta quel gruppo problematico con le sue stupide lamentele e sciocchi domande. Ma finirà mai?”

Piuttosto, Egli vedeva le folle ed era mosso a compassione. Egli era rinvigorito dallo Spirito e andava all’opera. Viveva giorni di fatica e notti di preghiera – e comunque trovava il tempo per i bambini!