mercoledì 14 gennaio 2015

LA RICOMPENSA DELLA SUA PRESENZA

Dio scese e trasportò Enok in risposta alla sua fede. Enok non riusciva più a sopportare di stare dietro al velo – doveva vedere il Signore! Egli pregava, credendo che Dio avrebbe risposto al suo grido di stare davvero alla Sua presenza. Egli era così “fuori luogo” qui sulla terra da dire a Dio, “Vieni! Non c’è rimasto niente qui per me”.

Pensa a come i cristiani stiano sperperando ciò che definiscono “fede”. La loro è tutta centrata su sé stessi – i loro bisogni, i loro desideri, i loro progetti. E spesso ottengono ciò che vogliono, ma ciò li rende ancora più insoddisfatti. Dove sono gli Enok che spendono la propria fede credendo di essere trasportati dalle tenebre del diavolo nelle mani del caro Figlio di Dio?

Enok non aveva Bibbia, né libretto dei canti, nessun insegnante, non aveva lo Spirito Santo dimorante in sé, nessun velo squarciato che lo facesse accedere nel Luogo Santissimo, ma conosceva Dio! Senza il rimprovero o lo sprone di un profeta, senza l’esempio di altri, Enok dispose il suo cuore a seguire il Signore. Perché oggi è così duro con tutti gli aiuti, le convinzioni, gli ammonimenti profetici, le suppliche dello Spirito Santo? Non è un rimprovero per noi che Enok si elevò al di sopra dei suoi giorni malvagi e camminò con Dio a dispetto di un così poco aiuto? Oggi ci sono migliaia di credenti che non riescono a camminare con Lui nella vittoria nonostante tutto l’aiuto che Dio ha dato loro!

Enok credeva che Dio fosse il rimuneratore di coloro che Lo cercando diligentemente! “Ora senza fede è impossibile piacergli, perché chi si accosta a Dio deve credere che egli è, e che egli è il rimuneratore di quelli che lo cercano” (Ebrei 11:6). Come sappiamo che Enok credesse che Dio fosse un rimuneratore? Perché questa è l’unica fede che piace a Dio – e sappiamo che Enok piacque a Lui!

Dio è un ricompensatore, un Dio che paga bene la fedeltà. In che modo il Signore premia i Suoi figli diligenti? Per esperienza so che quando cammino mano nella mano con Gesù, pieno d’amore per Lui, le ricompense arrivano da tutte le parti. Tutto ciò che faccio o posseggo viene benedetto: mia moglie, i miei figli, i miei amici, il ministero. Lì sperimenti una vita di Cristo dal di dentro che scorre come un fiume in piena. Sì, avremo prove e tribolazioni, ma in tutto questo Egli ci ricompensa con manifestazioni della Sua presenza.