giovedì 15 gennaio 2015

PRENDERE IL CONTROLLO

Coloro che trascurano il Signore presto vanno fuori controllo e il diavolo agisce per subentrare. Una persona simile ha un’immagine di sé devastata. I loro sentimenti e pensieri non possono essere frenati e la loro lingua si agita e si muove sotto il controllo dell’amarezza e della rabbia.

Se solo c’innamorassimo di Gesù – camminando e parlando con Lui – Egli presto ci rivelerebbe che Satana non ha alcun dominio su di noi. Presto Gli consentiremmo di controllarci. Allora inseguiremmo demoni, faremmo scappare il diavolo, ne faremmo fuggire a migliaia, resistendo in fede contro ogni timore, ogni bugia, ogni cosa che proviene dall’inferno. “E questi sono i segni che accompagneranno quelli che hanno creduto: nel mio nome scacceranno i demoni, parleranno nuove lingue; prenderanno in mano dei serpenti, anche se berranno qualcosa di mortifero, non farà loro alcun male; imporranno le mani agli infermi, e questi guariranno” (Marco 16:17-18).

Paolo ammonisce “donne sciocche” che non vogliono abbandonare le concupiscenze: “S'introducono nelle case e seducono donnicciole cariche di peccati, dominate da varie passioni” (2 Timoteo 3:6). Donne che non pagano il prezzo per camminare con Gesù, che non accettano un santo rimprovero ammettendo il proprio peccato per poi ravvedersi, cercheranno un insegnante che preghi per loro – per poi sedurlo! E credimi, questi “rovina famiglie” sono sempre in mezzo a noi. Hanno occhi affamati di donne e fanno loro promesse, dicendo, “Vieni ai nostri incontri – otterrai liberazione!” No, non è così! Finirai schiava, doppiamente legata e quegli uomini arriveranno dritti al tuo portafoglio!

Ma tu puoi prendere il controllo. Puoi tornare ad un cammino diligente, amorevole e intimo con Gesù. Invece di cercare solo il tuo conforto, cerca di confortare Gesù: “L'oltraggio mi ha rotto il cuore e sono tutto dolente; ho aspettato chi mi confortasse, ma invano; ho atteso chi mi consolasse, ma non ci fu alcuno” (Salmo 69:20).