martedì 7 giugno 2016

VIENI, SIGNORE GESÙ!

Possiamo star certi che Dio giudicherà gli empi – senza dubbi, il giorno della retribuzione si avvicina. Quando arriverà quel momento, ogni schernitore, odiatore di Dio e malvagio sarà chiamato a rendere conto di sé stesso. I libri saranno aperti e ogni azione vile sarà resa manifesta, rivelando tutto ciò che questi malvagi hanno compiuto contro l’autorità di Dio. Le loro opere saranno giudicate severamente, e i malvagi saranno cacciati dalla presenza di Dio eternamente.

Gesù rassicurò i Suoi discepoli, “Non vendicherà Dio i suoi eletti che gridano a lui giorno e notte. Tarderà egli forse a intervenire a loro favore?” (Luca 18:7). Egli stava dicendo, “Sì, Dio un giorno affronterà tutti coloro che hanno deriso, perseguitato, imprigionato e ucciso il Suo popolo. Il grido della chiesa perseguitata è stato udito ed Egli li vendicherà prontamente”. “Sì, io vi dico che li vendicherà prontamente. Ma quando il Figlio dell'uomo verrà, troverà la fede sulla terra?” (18:8).

La domanda di Cristo, alla fine di questo passo, indica la Sua maggiore preoccupazione. Egli dice, “Quando tornerò, cercherò un popolo che ha creduto alla Mia promessa di tornare per loro. La domanda è se quel popolo saranno pronti e mi staranno aspettando. Saranno svezzati da questo mondo, anelando che Io li porti a casa come Mia Sposa? Saranno immacolati, o macchiati dallo spirito di quest’età? Arriverò e li troverò a gridare, ‘Vieni, Signore Gesù?’”

Gesù non ci ha dato una data per la Sua venuta, ma ci ha detto come sarà la società in quel periodo. Egli prosegue descrivendo come sarà il modo di vivere predominante dell’umanità quando Lui tornerà.

“Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio, le persone mangiavano, bevevano, si sposavano ed erano date in moglie, fino a quando Noè entrò nell'arca; e non si avvidero di nulla, finché venne il diluvio e li portò via tutti; così sarà pure alla venuta del Figlio dell'uomo” (24:38-39).