mercoledì 17 giugno 2015

POTENZA PER OGGI

L’apostolo Pietro era fatto di carne ed ossa, proprio come il resto di noi. Eppure esercitava autorità spirituale sul diavolo. Disse allo zoppo al tempio, “Nel nome di Gesù Cristo il Nazareno, alzati e cammina!” (Atti 3:6), e l’uomo fu guarito. I capi religiosi di quel tempo riconobbero questa potenza in Pietro e gli chiesero, “Con quale potere o in nome di chi avete fatto questo?” (4:7).

In nessuna parte della Bibbia si suggerisce che questa stessa potenza non è destinata anche a noi oggi. Quando mai il Signore ha detto alla Sua Chiesa, “Ti ho aiutato fin ora. Ora sei da sola?” Quale Dio fortificherebbe il Suo popolo nel deserto quando ne avevano bisogno – come anche i re d’Israele, profeti come Elia, le folle nel giorno di Pentecoste – e poi ritrarre tale potenza dalla Chiesa degli ultimi giorni, quando ne abbiamo più bisogno di qualsiasi altra generazione?

Secondo la Scrittura, la potenza di Satana è cresciuta nei nostri giorni: “Il diavolo è sceso a voi con grande ira, sapendo di aver poco tempo” (Apocalisse 12:12). Perché Dio permetterebbe a Satana di attaccare una chiesa debole e senza potenza, senza difese? Il Suo popolo non ha mai perso accesso alla Sua potenza divina.

Sfortunatamente, molti cristiani possiede un’idea distorta dell’autorità spirituale, soprattutto negli ambienti carismatici. Conosco una serie di convenzioni di “potenza”, in cui i predicatori impongono le mani sulle persone per impartire loro l’unzione dell’autorità spirituale. Tuttavia, quando queste persone tornano a casa, i loro sforzi contro il diavolo falliscono miseramente. Finiscono per porre la stessa domanda che i discepoli fecero a Gesù: “Perché non abbiamo potuto cacciare questi spiriti?”

Non puoi ottenere potenza soprannaturale semplicemente facendoti imporre le mani. Non è un dono. È uno stile di vita, un cammino con Gesù. E non tutti coloro che la richiedono vengono improvvisamente trasformati in centrali elettriche di potenza. La verità è che Dio affida la Sua autorità divina solo a coloro che Pietro definisce “l’essere nascosto nel cuore con un'incorrotta purezza” (1 Pietro 3:4).