lunedì 23 novembre 2009

PACE E LO SPIRITO SANTO

Gesù a chi concede la sua pace? Forse pensi: “Non sono degno di vivere nella pace di Cristo. Ho troppe lotte nella mia vita. La mia fede è così debole”.


Faresti bene a considerare gli uomini a cui Gesù diede per primi la sua pace. Nessuno di loro era degno, né ne aveva il diritto.


Pensa a Pietro. Gesù stava per concedere la sua pace ad un ministro del vangelo che ben presto avrebbe pronunciato maledizioni. Pietro era zelante nel suo amore per Cristo, ma ben presto lo avrebbe rinnegato.


Poi c’erano Giacomo e suo fratello Giovanni, uomini dallo spirito competitivo, sempre in cerca di riconoscimento. Avevano chiesto di sedere uno alla destra e l’altro alla sinistra di Gesù quando sarebbe asceso al trono in gloria.

Gli altri discepoli non erano più giusti di loro. Avevano digrignato di rabbia a Giacomo e Giovanni per aver cercato di farsi spazio. Poi c’era Tommaso, un uomo di Dio che lasciava spazio al dubbio. Tutti i discepoli mancavano di fede, al punto da stupire e annoiare Gesù. Infatti, nell’ora più difficile di Cristo, tutti lo abbandonarono e se ne fuggirono via. Persino dopo la Risurrezione, quando si diffuse la notizia che “Gesù era risorto”, i discepoli furono tardi a credere.


Ma c’è dell’altro. Questi erano anche uomini confusi. Non comprendevano le vie del Signore. Le sue parabole li confondevano. Dopo la Crocifissione, persero ogni senso di unità, disperdendosi in ogni direzione.


Che quadro: questi uomini erano pieni di paura, di incredulità, di disunità, di dolore, confusione, competitività, orgoglio. Eppure fu proprio a questi servitori che Gesù disse: “Io vi do la mia pace”.


I discepoli non erano stati scelti perché fossero buoni o giusti; e questo è chiaro. Né lo erano stati perché avevano talento o capacità. Erano dei pescatori e degli operai, umili e poveri. Cristo aveva chiamato e scelto i discepoli perché aveva visto qualcosa nei loro cuori. E guardando in loro, sapeva che ciascuno si sarebbe sottomesso allo Spirito Santo.


A questo punto, tutto quello che i discepoli avevano era una promessa di pace da parte di Cristo. La pienezza di quella pace sarebbe stata loro concessa solo a Pentecoste. Solo allora sarebbe sceso lo Spirito Santo ad abitare in loro. Noi riceviamo la pace di Cristo dallo Spirito Santo. La sua pace scende in noi quando lo Spirito ci rivela Cristo. Più vuoi di Gesù, più lo Spirito te lo mostrerà – e più avrai la vera pace di Cristo.