venerdì 20 novembre 2009

LA GRANDE PREOCCUPAZIONE DI DIO

In mezzo a questo “scuotimento” mondiale, qual è la più grande preoccupazione di Dio? Sono gli eventi del Medio Oriente? No. La Bibbia ci dice che lo sguardo di Dio è concentrato sui suoi figli: “Ecco, l'occhio dell'Eterno è su quelli che lo temono, su quelli che sperano nella sua benignità” (Salmo 33:18).


Il nostro Signore è consapevole di ogni movimento sulla terra, di ogni essere vivente. Eppure il suo sguardo è concentrato soprattutto sul benessere dei suoi figli. Fissa i suoi occhi sui dolori e le necessità di ciascun membro del suo corpo spirituale. Per dirla in parole povere, qualunque cosa ci tocca, tocca anche Lui.


Per dimostrarcelo, Gesù ha detto: “E non temete coloro che uccidono il corpo, ma non possono uccidere l'anima; temete piuttosto colui che può far perire l'anima e il corpo nella Geenna” (Matteo 10:28). Anche in mezzo alle grandi guerre mondiali, l’obiettivo primario di Dio non è sui tiranni. Il suo sguardo è focalizzato su ogni circostanza delle vite dei suoi figli.


Cristo dice nel versetto successivo: “Non si vendono forse due passeri per un soldo? Eppure neanche uno di loro cade a terra senza il volere del Padre vostro” (Matteo 10:29). Ai giorni di Cristo, i passeri erano la carne dei poveri e venivano venduti ciascuno a mezzo soldo. Eppure Gesù ha detto: “Nessuna di queste piccole creature cade a terra senza che il vostro Padre lo sappia”.


L’uso di Gesù del verbo “cadere” in questo verso intende qualcos’altro oltre alla morte del passero. Il significato aramaico è “posarsi leggermente a terra”. In altre parole, “cadere” qui indica ogni piccolo saltello che un uccellino può fare.


Cristo ci sta dicendo: “L’occhio del vostro Padre è sul passero non solo quando muore ma anche quando plana leggero a terra. Mentre il passero impara a volare, cade dal nido ed inizia a saltellare sul terreno. E Dio vede ogni piccola sua lotta. È preoccupato per ogni dettaglio della sua vita”.


Gesù poi aggiunge: “Non temete dunque; voi siete da più di molti passeri” (10:31). Infatti, egli dice: “Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati” (10:30). Per dirla in parole povere, Colui che ha creato e contato tutte le stelle – che ha monitorato ogni azione dell’Impero Romano, che tiene insieme le galassie nelle loro orbite – ha gli occhi fissi su di te. E Gesù ti chiede: “Non vali molto più per lui?”.