sabato 17 aprile 2010

UNA PAROLA SPECIALE PER QUALCUNO CHE SI TROVA SUL PUNTO DI MOLLARE

Oggi sento di parlare a coloro che sono emotivamente e mentalmente prostrati sotto un peso troppo pesante da portare.

Sembra che la promessa di Dio non funzioni per te o la tua famiglia. Hai provato a compiacere Dio, preghi, Lo ami sinceramente, ma in questo momento ti trovi alla fine della tua forza e della tua resistenza.

Le tue prove aumentano, nonostante tu ti aggrappi alla tua fede. Ti sembra che Dio rimanga in silenzio davanti a te.

CARO, TU NON SEI SOLO. Migliaia di persone devote stanno soffrendo allo stesso modo, e Satana sussurra: “La parola di Dio non è vera!” Noi sappiamo che è il divoratore che parla. Non temere le potenze dell’inferno.

Leggi Giobbe 19, l’intero capitolo. Giobbe disse: “Ecco, io grido: "Violenza!", ma non ho alcuna risposta; … Mi ha sbarrato la strada … ha sparso le tenebre sul mio cammino … Mi ha demolito da ogni lato … mi considera come suo nemico” (19:7-11).

Dio disse: “Efraim si è unito a idoli, lascialo” (Osea 4:17). Nessuna prova, nessuna avversità per questa tribù. Ma tu non ti sei unito a idoli. Sei ancora la pupilla del Suo occhio. Dio vede in te qualcosa degno di essere da Lui lavorato.

Dio castiga coloro che ama. Non è piacevole, e fa male, ma è il Padre che ci preserva affinché la Sua gloria venga rivelata negli anni a venire.

Dio non ti ha mai amato tanto come ora. Fatti animo, Dio ti sta ancora parlando.