mercoledì 4 marzo 2009

FA' TRE COSE

In mezzo alle sue prove, Dio disse ad Israele di fare tre cose: "Non temere. Resta fermo. Guarda la salvezza del Signore". La Sua chiamata ad Israele era: "Io combatterò per te. Tu devi solo mantenere la tua pace. Sii tranquillo, e metti ogni cosa nelle mie mani. Proprio ora sto compiendo un'opera nel regno soprannaturale. Ogni cosa è sotto il mio controllo. Dunque, non ti agitare. Confida che io sto combattendo contro il diavolo. Questa battaglia non è tua" (vedi Esodo 14:13-14).

Presto l'oscurità scese sopra il campo. Era l'inizio di una notte buia e tempestosa per Israele, ma era anche l'inizio dell'opera soprannaturale di Dio. Egli inviò un angelo tremendo a proteggerli, affinché si mettesse tra il Suo popolo e i loro nemici. Credo che Dio mandi ancora angeli che si accampano intorno a coloro che Lo amano e Lo temono (vedi Salmo 34:7).

Il Signore muoveva inoltre la nuvola soprannaturale che aveva dato ad Israele per guida. La nuvola improvvisamente si spostò dalla parte anteriore dell'accampamento d'Israele alla parte posteriore e si pose come un alto muro nero davanti agli egiziani. Dall'altra parte, la nuvola forniva una luce soprannaturale, offrendo agli israeliti una chiara visibilità durante la notte (vedi Esodo 14:20).

Nonostante l'esercito di faraone fosse nelle tenebre più totali, riusciva comunque ad alzare la propria voce e per tutta la notte scagliò minacce e bugie contro gli israeliti. Le loro tende tremavano per questa sfilza di bugie che colpivano in quella buia notte. Ma non importava quanto sonoramente il nemico li minacciasse perché c'era un angelo di Dio di guardia a proteggerli, e Dio aveva promesso al Suo popolo che non li avrebbe abbandonati.

Caro santo, se sei un figlio di Dio riscattato col sangue, sappi che Lui ha messo un angelo guerriero tra te e il diavolo, ed Egli ti comanda, proprio come fece con Israele, "Non temere. Resta fermo. Credi nella mia salvezza". Forse satana viene contro te soffiandoti addosso ogni minaccia malvagia, ma mai nella tua notte tempestosa e buia il nemico sarà in grado di distruggerti.
"
Mosè stese la sua mano sul mare; e l'Eterno fece ritirare il male con un forte vento orientale tutta quella notte" (Esodo 14:21).

Quel vento orientale causato da Dio era talmente forte che iniziò a dividere le onde del mare: "il vento orientale...cambiò il mare in terra asciutta, e le acque si divisero" (14:21).

Il termine ebraico per vento qui significa "violento esalare". In altre parole, Dio esalò e le acque si congelarono in mura. Le tende degli israeliti devono aver tremato violentemente mentre quei torrenti imponenti sprizzavano attraverso l'accampamento. Perché Dio permise che Israele passasse un'intera notte tempestosa quando avrebbe potuto dire una semplice parola per calmare gli elementi naturali?

Che tempesta dev'essere stata e che tempo di paura dev'essere stato per Israele. Ti chiedo, cosa stava facendo Dio? Perché mai avrebbe permesso che una tempesta così terribile proseguisse per tutta la notte? Perché non disse semplicemente a Mosé di toccare le acque con il suo mantello e di dividere le onde in modo soprannaturale? Quale motivo plausibile aveva Dio per permettere che accadesse tutto ciò in quella notte tremenda?

C'era solo un motivo: il Signore stava foggiando degli adoratori. Dio era all'opera in ogni istante, e usava quella tempesta terribile per creare una via d'uscita per il suo popolo da quella crisi. Eppure gli israeliti non riuscivano a capirlo in quel momento. Molti si nascosero nelle loro tende, ma coloro che uscirono fuori testimoniarono di una luce gloriosa; rimasero meravigliati davanti alla vista gloriosa delle onde che salivano, mura imponenti di acqua che si elevavano per formare un sentiero asciutto attraverso il mare. Quando il popolo vide questo, deve aver gridato, "Guardate, Dio ha usato il vento per creare una via per noi. Gloria a Dio!"