giovedì 9 maggio 2013

GUARISCI LA MIA INCREDULITÀ

"Ma la chieda con fede, senza dubitare; perché chi dubita è simile a un’onda del mare, agitata dal vento e spinta qua e là. Un tale uomo non pensi di ricevere qualcosa dal Signore" (James 1:6-7).

Il mondo è pieno di cristiani che non sono radicati nella Parola di Dio. Pensano che sia una cosa innocente andare nella casa di Dio per mormorare e lamentarsi, come se Dio non ascoltasse. Dio ascolta i nostri mormorii! Sono solo accuse alle quali Egli non bada, insinuazioni di poco conto.

Dio mi ha avvertito di non parlare dei miei dubbi e delle mie paure a mia moglie, né agli amici o a chi amiamo e nemmeno ai colleghi. Dio dice di portare quei dubbi alla croce e dire “Gesù, guarisci la mia incredulità. Prendila tu”.

Israele passò quarant'anni nell'agitazione, a sparlare degli altri e a lamentarsi. Che esistenza miserabile condusse dichiarando nel contempo di essere figli di Dio e di essere santi. Ma era solo la loro testimonianza e non quella di Dio.

Arriverà il momento in cui dovrai fidarti di Dio e se già da ora imparerai a farlo, quando arriverà la prova canterai, griderai ed eleverai preghiere al tuo Liberatore! Oh, la vittoria sarà lì, ma ciò che più importa sarà dare il colpo di grazia a tutti i tuoi dubbi, paure ed incredulità.

Da dove comincerai? Guardando diritto allo specchio della Parola di Dio. Considera ciò che hai fatto e detto negli ultimi trenta giorni: hai mormorato? Ti sei lamentato? La tua risposta potrebbe essere: “Si ma non ho mormorato a Dio!” Si invece! Non importa dove o con chi ti sei lamentato, tutto è diretto a Dio.

Nella Bibbia troviamo spesso frasi come questa: “Abbi fiducia in Me ed io ti aiuterò. Devi solo affidare a me ogni cosa”. In tutto questo, cosa devi fare tu? Devi semplicemente restare fermo e riguardare solo alla salvezza che hai ricevuto in Gesù. Sicuramente ti starai chiedendo: “E se poi non accade nulla?” Questa risposta rivela ancora una volta il tuo dubbio e la tua paura.

Cari nel Signore, torniamo a Dio quest'oggi e diciamoGli: “Signore, ho fatto tutto quello che potevo. Adesso so che non posso fare nulla per risolvere il mio problema. Ho fiducia in Te e aspetterò la Tua vittoria”.

Lascia che Dio faccia di te una testimonianza vivente per il mondo, un testimone della Sua fedeltà. Amalo con tutto il tuo cuore, adesso! DaGli tutti i tuoi problemi, tutta la tua fede e la tua fiducia!