venerdì 11 novembre 2011

CUSTODIRE LA BENEDIZIONE E IL FAVORE DI DIO

Dio benedice coloro che camminano nella fedeltà, e mostra favore a coloro che lo favoriscono!

In che modo nazioni, famiglie, individui perdono la benedizione e il favore di Dio? Il profeta Aggeo parla a riguardo, e il primo motivo che elenca è che gli interessi egoistici iniziano a sostituire gli interessi di Dio! “Il tempo non è ancora giunto, il tempo in cui la casa dell'Eterno dev'essere ricostruita” (Aggeo 1:2). Gli israeliti smisero di edificare la casa dell’Eterno perché dovevano costruire le proprie di case!

Questo avvenne sessantotto anni dopo la distruzione del tempio di Salomone. A Gerusalemme era tornato un residuo dalla cattività babilonese proprio allo scopo di riedificare la casa di Dio. E, in effetti, gettarono le fondamenta del tempio con zelo ed entusiasmo!
Ma poi iniziarono ad imbattersi in momenti duri, difficoltà e scoraggiamento. Lentamente persero interesse nell’opera di Dio, dicendo: “Si vede che non è questo il tempo. Stiamo incontrando troppi problemi. Inoltre, stiamo passando talmente tanto tempo qui che stiamo trascurando le nostre famiglie e i nostri affari”.

Uno dopo l’altro, si allontanarono per curare i loro propri interessi. Gli interessi di Dio, che avevano completamente a che fare con il loro benessere, divennero secondari! Iniziarono a costruire le proprie case ed iniziarono ad usare il legname che avevano conservato per l’edificazione del tempio.

In che modo oggi i credenti perdono la benedizione e il favore di Dio? Smettendo di lavorare per il Suo tempio! Succede quando smettiamo di pregare e cercare Dio, quando smettiamo di edificare il Suo corpo spirituale!

Aggeo evidenzia questo problema: Quando il popolo di Dio mette al primo posto gli interessi di Dio, Egli provvede loro cibo e riparo. Infatti, costoro erano da Lui assistiti in ogni maniera. Le loro vigne crescevano, i loro tralci erano carichi; dormivano serenamente di notte, e i loro figli danzavano per le strade. Nessuno dei loro nemici aveva la meglio su di loro. Era un meraviglioso tempo di benedizioni divine, ma poi il popolo si lasciò risucchiare dai propri interessi!

Questo è quanto sta accadendo oggi! Il nostro mondo è consumato dall’ego – orgoglio di sé stessi, ambizione, smania di successo, e ognuno cerca soltanto il proprio interesse! Non c’è da meravigliarsi se molti sono ubriachi e storditi dalle medicine, vaganti nelle tenebre e nella confusione.

Dio dice: “E io ho chiamato la siccità sul paese…e su tutto il lavoro delle vostre mani” (Aggeo 1:11). Egli sta dicendo: “Se iniziate a trascurare le vostre anime per rivolgervi alle cose materiali, finirete per essere tristi, insoddisfatti, vuoti, aridi! Voglio che mettiate i Miei interessi prima dei vostri, affinché io possa benedirvi e favorirvi ancora!”