lunedì 15 febbraio 2010

AMORE CHE “PREVIENE”

“Poiché tu gli sei venuto incontro con benedizioni di prosperità, gli hai posto sul capo una corona d'oro finissimo” (Salmo 21:3). A primo acchito, questo verso di Davide ci lascia un po’ perplessi. La parola “previene” di solito associato ad impedimenti, non benedizioni. Una traduzione moderna direbbe: “Il Signore prevenì Davide con le benedizioni di prosperità”.

Eppure il termine biblico per “venire incontro” ha un significato completamente diverso. Significa “anticipare, precedere, prevedere e adempiere in anticipo, pagare un debito prima del dovuto”. Inoltre, in quasi ogni situazione, implica qualcosa di piacevole.

Isaia ci dà un’idea di questo genere di piacere. Viene da Dio che anticipa un bisogno e lo adempie prima del tempo. “E avverrà che prima che mi invochino io risponderò, staranno ancora parlando che io li esaudirò” (Isaia 65:24).

Questo verso ci illustra un’immagine incredibile dell’amore del nostro Signore per noi. Evidentemente, lui è così ansioso di benedirci, così pronto ad adempiere il suo amore nelle nostre vite, che non riesce nemmeno ad aspettare che gli diciamo i nostri bisogni. È ansioso di realizzare atti di misericordia, grazia ed amore nei nostri riguardi. E questo è un piacere supremo per lui.

È proprio questo che Davide dice nel Salmo 21: “Signore, hai riversato su di me le tue benedizioni e la tua bontà prima ancora che te lo chiedessi. E mi offri più di quello che mi immaginerei di poterti chiedere”.

Davide si riferisce ad un’opera meravigliosa che Dio ha compiuto per lui nel regno spirituale. È qualcosa che diede a Davide la vittoria sui suoi nemici, la risposta alle sue preghiere, una potenza vittoriosa ed una gioia ineffabile. E Dio lo fece prima ancora che Davide potesse pregare, prima ancora che svelasse il peso del suo cuore in preghiera. Quando alla fine Davide aprì il suo cuore, scoprì che Dio aveva già provveduto a sconfiggere i suoi nemici. La vittoria di Davide era stata assicurata prima ancora che potesse avvicinarsi al campo di battaglia.