lunedì 20 luglio 2015

GODIAMO DI TUTTI I BENEFICI by Gary Wilkerson

Nel rileggere i vangeli, vediamo che tutto ciò che Gesù fece sulla terra fu allo scopo di adempiere i termini del patto stipulato col Padre. Andò a cercare la pecora perduta; aprì gli occhi dei ciechi; risuscitò i morti; aprì le porte ai prigionieri; diede parole di vita eterna; compì opere prodigiose; cacciò di demoni e guarì ogni sorta d’infermità. In ogni verso dei vangeli, Gesù adempiva ciò per cui il Padre L’aveva mandato.

In tutto questo, Gesù fece Sue le promesse del Patto col Padre: “Il mio Dio è la mia forza” (Isaia 49:5). “Io confiderò in lui” (Ebrei 2:13). Le fedeli parole del Padre sostennero Gesù durante la Sua morte agonizzante: “Io non sono stato ribelle né mi sono tirato indietro. Ho presentato il mio dorso a chi mi percuoteva e le mie guance a chi mi strappava la barba; non ho nascosto il mio volto all'ignominia e agli sputi” (Isaia 50:5-6).

Quando Gesù pronunciò la Sua preghiera finale, vediamo ancora gli accordi del patto tra il Padre e il Figlio: “Ora dunque, o Padre, glorificami presso di te della gloria che io avevo presso di te prima che il mondo fosse” (Giovanni 17:5). E prima di tornare alla gloria, Gesù ricordò al Padre la Sua parte del patto: “Padre, l'ora è venuta; glorifica il Figlio tuo, affinché anche il Figlio glorifichi te…Io ti ho glorificato sulla terra, avendo compiuta l'opera che tu mi hai dato da fare” (versi 1, 4).

Cos’ha a che fare tutto questo con te e me? È un’immagine dell’amore di Dio per la Sua amata creazione! Egli creò questo patto perché non era disposto a cedere un solo figlio alla distruzione. Gesù qui sta dicendo, “Padre, ho adempiuto la Mia parte del patto, ho compiuto la redenzione per l’umanità e ho reso il Tuo Corpo una cosa sola. Parliamo ora di cosa accadrà alla Mia progenie, a tutti coloro che credono in Me”.

In breve, Dio diede Suo Figlio, il Figlio diede la Sua vita, e noi ne godiamo tutti i benefici. “Renderò pure la sua progenie eterna e il suo trono come i giorni dei cieli…Non violerò il mio patto e non muterò le parole che sono uscite dalla mia bocca” (Salmo 89:29, 34).