mercoledì 1 aprile 2009

PROTETTO PER UNO SCOPO

Davide pregava, "Proteggimi, o Dio, perché io mi rifugio in te" (Salmo 16:1). La parola ebraica che Davide usa in questo verso per PROTEGGIMI è piena di significato. Esso dice, in essenza, "Metti una siepe intorno a me, un muro di spine protettive. Veglia su me e custodiscimi, osserva ogni mio singolo movimento, il mio uscire e il mio entrare".

 

Davide credeva fermamente che Dio preservasse il giusto, e la Scrittura dice che Davide fu aiutato e protetto in tutte le sue vie. Quest'uomo benedetto dichiarò, "Colui che protegge Israele non sonnecchia e non dorme. L'Eterno è colui che ti protegge, l'Eterno è la tua ombra, egli è alla tua destra. Di giorno il sole non ti colpirà, né la luna di notte. L'Eterno ti custodirà da ogni male; egli custodirà la tua vita" (Salmo 121:4-7).

 

Lo stesso termine ebraico per PROTEGGERE appare anche in questo verso. Ancora una volta, Davide parla della recinzione divina, del muro soprannaturale di protezione. Egli ci rassicura, "Dio tiene il Suo occhio su di te, ovunque tu vada".

 

Infatti, il Signore è con noi in ogni luogo: sul lavoro, in chiesa, mentre facciamo la spesa. Egli è con noi in macchina, sull'auto, in metropolitana. E per tutto il tempo, dice Davide, Dio ci preserva dal male. In breve, il nostro Dio ha ogni Sua base coperta. Egli ha promesso di ostacolare ogni possibile arma fabbricata contro i Suoi figli.

 

Giorno dopo giorno, il nostro Dio mostra di essere un Protettore per il Suo popolo. Ma per quale scopo? Perché il Signore è così intento a preservarci? Troviamo un indizio nelle parole di Mosé: "L'Eterno ci comandò di mettere in pratica tutti questi statuti, temendo l'Eterno, il nostro Dio, per avere sempre prosperità e perché egli ci conservasse in vita, come è oggi" (Deutoronomio 6:24). Mosé dice che Dio gli diede i comandamenti per un motivo: per preservarli e custodirli. Ma per cosa? Per lo stesso motivo per il quale Dio vuole salvare e proteggere noi.

 

Pensa a tutti i modi in cui Dio protesse il Suo popolo scelto, Israele. Egli li protesse dalle dieci piaghe in Egitto, li liberò dall'esercito di faraone al Mar Rosso; Egli li guarì dai morsi mortali dei serpenti nel deserto, e questo popolo testimoniò della potenza protettrice di Dio ai loro figli e ai loro nipoti: "il Signore ci ha liberati da tutti i nostri nemici. Egli ci ha dato cibo ed acqua, e ha preservato i nostri vestiti dal logorio. Egli ha protetto Israele in ogni cosa".

 

Ma era tutta qui la testimonianza di Israele? Questo popolo fu protetto e preservato soltanto per poi morire nel deserto? Mosè affermò, "E ci fece uscire di là per condurci nel paese che aveva giurato di dare ai nostri padri" (Deutoronomio 6:23). Mosè stava dicendo ad Israele, "Guardate a tutte le vie miracolose per le quali Dio ci ha condotti fuori dalla schiavitù. Perché pensate che lo abbia fatto? Perché pensate che vi abbia scelti e segnati come un popolo eletto fin dalla fondazione del mondo? Perché vi ha liberati dalla schiavitù? Perché vi ha benedetti quando meritavate di essere abbandonati?"

 

Il Signore vi ha preservato per condurvi in un certo luogo. Egli vuole compiere qualcosa nella tua vita al di là di tutti i miracoli. Il Signore preservò Israele e mise un muro intorno a loro per uno scopo ben definito: PORTARLI IN UN LUOGO DI UTILITA'. Egli li stava conducendo alla terra promessa, un luogo di adempimento.