mercoledì 23 febbraio 2011

DIO VUOLE INSEGNARCI A RICONOSCERE LA SUA VOCE!

Coloro che davvero conoscono Dio, hanno imparato come riconoscere la Sua voce al di sopra di tutte le altre. Egli vuole che tu sia assolutamente convinto che Egli desideri parlarti, per dirti cose che non hai mai visto o udito prima.

Non molto tempo fa, il Signore mi ha mostrato come io stessi ancora vacillando sull’udire la Sua voce parlare alla mia anima. Oh, io so che Egli parla e che le pecore devono conoscere la voce del Maestro, ma dubitavo della mia capacità di udirlo. Ho speso tutto il mio tempo ad “analizzare” la voce che udivo, e quando era troppo grande o troppo misteriosa per me pensavo: “Questo non può essere Dio. Inoltre, anche il diavolo può parlare. La carne parla; gli spirito bugiardi parlano”. Una moltitudine di voci ci giungono in ogni momento. Come posso riconoscere la voce di Dio?

Credo che siano necessarie tre cose per coloro che desiderano udire la voce di Dio:

1. Devi avere una fede incrollabile che Dio voglia parlarci. Ne devi essere pienamente persuaso e convinto. Infatti, Egli è un Dio che parla; Egli vuole che tu riconosca la Sua voce, così da poter fare la Sua volontà. Ciò che Dio ti dirà non andrà mai oltre i limiti della Scrittura, e non devi essere un ministro o avere una laurea per comprendere la Sua voce. Tutto ciò di cui hai bisogno è un cuore che dica: “Credo che Dio desideri parlarmi”.
2. Devi trovare tempo di qualità e silenzio. Devi essere disposto a chiuderti in una stanza con Dio e far sì che ogni altra voce scompaia. Certo, Dio ci parla durante tutta la nostra giornata, ma ogni volta che Egli ha voluto edificare qualcosa dentro di me, la Sua voce è giunta soltanto dopo che io avevo azzittito tutte le altre voci che non fossero la Sua.
3. Devi chiedere in fede. Non riceviamo nulla da Dio (incluso l’udire la sua voce), a meno che non crediamo veramente che Egli sia in grado di comunicarci la Sua mente e renderci capaci di comprendere la Sua perfetta volontà.

Gesù disse: “E chi è tra voi quel padre che, se il figlio gli chiede del pane, gli dà una pietra? O se gli chiede un pesce gli dà al posto del pesce una serpe? O se gli chiede un uovo, gli dà uno scorpione?” (Luca 11:11-12). In altre parole: “Se chiedi al tuo Padre celeste di ricevere una parola, una direzione chiara, una correzione divina o un bisogno particolare, credi anche solo per un momento che Lui invece permetterà al diavolo di venire ed ingannarti?”

Dio non è un burlone! Egli non permetterà che il diavolo ti inganni. Quando Dio parla, la pace segue! E Satana non può contraffare quella pace. Se sei in un luogo di riposo e pace, convinto che Dio possa parlarti, allora avrai una certezza che non cambia mai. Potrai tornare da Dio migliaia di volte, e riceverai sempre la stessa parola, poiché essa è vera.