martedì 31 agosto 2010

EGLI CI CHIAMA A PORTARE A TERMINE

"Che talora, avendo posto il fondamento e non potendola finire, tutti coloro che la vedono non comincino a beffarsi di lui, dicendo: "Quest'uomo ha cominciato a costruire e non è stato capace di terminare" (Luca 14:28-30).

Cristo sapeva che molti dei Suoi seguaci non avrebbero avuto ciò che serviva per arrivare fino alla fine. Sapeva che sarebbero tornati indietro senza finire la corsa. Credo che questa sia la più tragica condizione che un credente possa vivere: aver iniziato pienamente intenti ad afferrare Cristo, a crescere come un discepolo maturo, a divenire sempre più simile a Gesù per poi mollare. Una tale persona è colei che ha posto un fondamento e non riesce a finire la costruzione perché non ha fatto bene i conti all'inizio.

Che gioia incontrare coloro che stanno veramente finendo la corsa! Questi credenti stanno crescendo nella sapienza e nella conoscenza di Cristo. Stanno cambiando giornalmente, in ogni momento. Paolo dice loro con incoraggiamento: "E noi tutti, contemplando a faccia scoperta come in uno specchio la gloria del Signore, siamo trasformati nella stessa immagine di gloria in gloria, come per lo Spirito del Signore" (2 Corinzi 3:18). Non è il cielo che questi credenti cercano, ma Cristo nella Sua gloria!

So che molti tra quelli che leggono questo messaggio particolare sono in una fase di pausa o stanno per fare un passo indietro.

Potrebbe sembrare un piccolo passo, ma causerà una rapida discesa lontano dal Suo amore. Se questo vale anche per te, renditi conto che lo Spirito Santo ti sta chiamando a tornare indietro - a tornare al ravvedimento, al rinnegamento di te stesso e all'arresa. E proprio in questo istante, il tempo è un fattore primario. Se hai mai avuto l'intenzione di afferrare Cristo, fallo adesso, porta a compimento ciò che hai iniziato.