martedì 19 gennaio 2016

LA MENTE DI CRISTO

“Abbiate in voi lo stesso sentimento che già è stato in Cristo Gesù” (Filippesi 2:5).

“Or noi abbiamo la mente di Cristo” (1 Corinzi 2:16).

“Per essere rinnovati nello spirito della vostra mente” (Efesini 4:23).

Tutte queste sono esortazioni dall’apostolo Paolo. Egli sta dicendo al popolo di Dio, “Che la mente che si trova in Cristo – il modo stesso di pensare di Gesù – sia anche il vostro. La Sua mente è quella che tutti noi dobbiamo ricercare”.

Cosa significa avere la mente di Cristo? In parole semplici, significa pensare ed agire come fece Gesù. Significa prendere decisioni che prenderebbe Gesù, le quali determineranno come dovremo vivere. E significa portare ogni nostra facoltà mentale a rapportarsi con il modo in cui possiamo effettivamente avere la mente di Cristo.

Ogni volta che guardiamo nello specchio della Parola di Dio, dobbiamo chiederci: “Quello che vedo di me riflette la natura e il modo di pensare di Cristo? Sto cambiando di gloria in gloria, assomigliando di più a Gesù attraverso le esperienze che Dio mi fa vivere?”

Secondo Paolo, ecco qual è la mente di Cristo: “Svuotò se stesso, prendendo la forma di servo, divenendo simile agli uomini” (Filippesi 2:7).

Gesù prese una decisione mentre era ancora in cielo. Egli fece il patto col Padre di deporre la propria gloria celeste e scendere sulla terra come uomo. Sarebbe sceso nel mondo come umile servo e avrebbe cercato di servire più che essere servito.

Per Cristo, ciò significò dire, “Vado per fare la Tua volontà, Padre”. Infatti, Gesù decise anticipatamente, “Sto deponendo la Mia volontà per poter fare la Tua, Padre. Io sottometto la Mia volontà per poter abbracciare la Tua. Tutto ciò che dico e faccio deve provenire da Te. Depongo ogni cosa per poter dipendere completamente da Te”.