lunedì 4 gennaio 2016

EGLI FA DI NOI LA SUA CASA by Gary Wilkerson

Quando la gloria di Dio si manifesta rivela la Sua distinzione da noi – la Sua purezza, santità e onnipotenza. Persino gli esseri celesti alla Sua presenza Lo vedono come separato da loro e pieno di maestà. Proprio in questo momento migliaia di angeli si trovano alla presenza di Dio e non smettono mai di lodarlo giorno e notte. Il loro canto infinito è, “Degno è l'Agnello, che è stato ucciso, di ricevere la potenza, le ricchezze, la sapienza, la forza, l'onore, la gloria e la benedizione!” (Apocalisse 5:12). Questo è l’effetto della santa natura di Dio: Egli suscita la nostra lode in ogni momento e in ogni cosa.

Sorprendentemente, questo Dio santo ci dice “Il mondo non Mi vedrà – ma voi sì”.

I capi giudei conoscevano la separazione di Dio ma non riuscivano a vedere la Sua tenerezza e si scandalizzarono quando Gesù chiamava Dio Suo Padre. La vedevano come una bestemmia e volevano ucciderlo per questo. Tuttavia, Gesù portò oltre quest’insegnamento audace quando disse ai discepoli, “Non solo il vostro Padre celeste ha cura di voi, ma Egli farà di voi la Sua dimora”.

“Se uno mi ama, osserverà la mia parola; e il Padre mio l'amerà, e noi verremo a lui e faremo dimora presso di lui” (Giovanni 14:23).

Immaginati come uno dei discepoli nell’Alto Solaio quando Gesù disse queste parole. Ti è stato insegnato come agli anziani che nessuno può vedere Dio e vivere. Sapevi che il giusto Mosè poté vedere soltanto una piccola parte di Dio e sopravvivervi. Dunque, ascoltando l’insegnamento di Gesù avresti pensato, “Non c’è possibilità che Dio dimori in me. Egli è troppo santo, troppo meraviglioso, troppo tutto. Non può essere!”. Eppure Gesù ci ha affidato queste incredibili verità gemelle: Dio è davvero puro e santo – ed Egli cerca di dimorare in noi, la Sua creazione.

Pensa a cosa Gesù insegnò alla Sua chiesa neonata quella sera. Iniziò dicendo che se ne sarebbe andato per prepararci una casa e finì dicendo che avrebbe fatto di noi la Sua casa. C’è una bellezza paradossale nel nostro Dio – santo e puro, eppure intimo e premuroso. Egli è al di sopra di noi e con noi – e ci dona una pace che non potremmo mai trovare da soli. Questo è un Dio degno della nostra fiducia in ogni cosa!