venerdì 29 gennaio 2016

DOVE SONO I TIMOTEO?

Viviamo in un tempo in cui la minaccia mondiale di esplosioni nucleari o chimiche pianificate incombe. Il cuore di milioni di persone viene meno dalla paura e la Chiesa di Gesù Cristo è sfidata come mai prima nella storia. Guardiamo un mondo che si muove nel caos.

Nel vedere tutto questo, mi chiedo: “Dov’è la voce dell’autorità in Cristo? Dove sono i pastori, le congregazioni, i cristiani che pensano come Gesù? Dove sono quelli che non ricercano i propri progetti ma la mente di Cristo in questi tempi?”

Quelli che si concentrano sul migliorare sé stessi stanno scivolando via dall’intimità con Cristo. Forse Lo predicano, ma Lo conoscono sempre di meno e si stanno aprendo a grandi tentazioni.

Ti chiedo: la tua chiesa sta prosperando, eppure nessuno sembra avere la stessa attitudine di Paolo, mettendo il proprio affetto negli interessi di Cristo? E tu? Quando vedi qualcuno disoccupato, preghi per lui? Cerchi modi per assistere, per servire?

Dove sono i Timoteo di oggi? Dove sono i giovani di Dio che rifiuteranno la chiamata del successo e del riconoscimento? Dove sono coloro che disporranno il cuore per una preghiera fervente, che assoggetteranno ogni cosa nella loro vita per diventare veri servi di Cristo e della Sua chiesa?

La nostra preghiera dovrebbe essere: “Signore, non voglio concentrarmi solo su me stesso in un mondo che sta andando fuori controllo. Non voglio preoccuparmi del mio futuro. So che tieni il mio cammino nelle Tue mani. Signore, dammi la Tua mente, il Tuo modo di pensare, le Tue preoccupazioni. Voglio avere il Tuo cuore di servo”.

“Abbi cura di te stesso e dell'insegnamento, persevera in queste cose perché, facendo così, salverai te stesso e coloro che ti ascoltano” (1 Timoteo 4:16).